News

11/10/2019 - CAF (Common Assessment Framework)

La Corte di Appello, a seguito dell'applicazione del modello di autovalutazione CAF (Common Assessment Framework) ha elaborato un piano di miglioramento organizzativo con una serie di azioni che saranno completate nei primi mesi dell'anno prossimo.

G190108_PDM

16/09/2019 - Graduatoria ammessi al tirocinio ex art. 73_ 16 settembre 2019 - Provvedimento 16 sett.2019_ pubblicazione ammessi al tirocinio ex art. 73 D.L. 69/2013

 -

Graduatoria ammessi al tirocin...
Provv.to di Pubblicaz. ammessi_16 sett. 2019

06/09/2019 - Tirocini ex art. 73 co. 3 D.L 69/2013 Corte di Appello di Salerno

Tirocini ex art. 73 co. 3  D.L 69/2013  Corte di Appello di Salerno -          Disposizione d... [ Leggi tutto ]

Graduatoria_Sett. 2019_Sito Web
Disposizione di pubblicaz. gra...

23/07/2019 - Protocollo di redazione della sentenza penale

La sentenza di secondo grado: le quattro parti fondamentali per la redazione della sentenza penale 

Protocollo di redazione della sentenza penale

11/07/2019 - TIROCINI EX ART 73, CO. 3 D.L. 69/2013

Disposizione di rinvio, al 05 agosto 2019, del termine ultimo per la presentazione delle domande

Modello di domanda
Tirocini ex art. 73_Rinvio del...

News dal mondo del diritto

  • 25/05/2016 - Ordinanza emessa in data 20 maggio 2016 dalla Corte di Appello di Salerno (Pres. Tringali - rel. Pellegrino)in tema di revoca della pena accessoria dell'interdizione dai pubblici uffici

  • 24/04/2016 - Sentenza Cassazione Penale, Sezioni Unite n. 13681, ud. del 25/02/2016, dep. il 06/04/2016 (Pres. Canzio, Rel. Blaiotta) in tema di non punibilità per particolare tenuità del fatto ex art. 131 bis c.p.

  • 15/04/2016 - Sentenza n. 623/2016, emessa dalla Corte di Appello di Salerno - sezione penale il 18 marzo 2016 in tema di depenalizzazione e prescrizione (Pres. estens. Dott. Pellegrino)

  • 15/04/2016 - Cassazione penale, sez. III, 25/10/1996, n. 10238 - Estinzione del reato e prescrizione; Sentenza Corte di Appello di Salerno, 18/03/2016, dep. contestualmente, n. 623/2016 (ricerca e redazione a cura della dott. Rita Guerra)

  • 07/04/2016 - Circostanze del reato - Suggestione di folla in tumulto - Sentenza n. 469/2016, emessa dalla Corte di Appello in data 01/03/2016 (Pres. Tringali - Estens. Pellegrino)
News dallo spazio europeo di libertà, sicurezza e giustizia -
a cura dell'Osservatorio www.slsg.unisa.it

02/10/2019 - Sentenza della Corte di giustizia del 10 settembre 2019 - allontanamento - garanzie procedurali

La Grande Sezione ha sancito l’applicabilità dell’art. 15 della direttiva 2004/38, relativa al diritto dei cittadini dell’Unione e dei loro familiari di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri, e quindi l’invocabilità delle garanzie procedurali previste dagli artt. 30 e 31 della direttiva medesima, allorquando l’interessato voglia contestare un provvedimento di allontanamento, adottato nei confronti di un cittadino di uno Stato terzo per il motivo che questi non disponga del diritto di soggiorno ai sensi della direttiva in parola; tanto anche nelle fattispecie in cui tale soggetto si sia sposato con un cittadino dell’Unione, all’epoca in cui quest’ultimo si avvaleva della propria libertà di circolazione, recandosi e soggiornando con il suddetto cittadino di uno Stato terzo nello Stato membro ospitante, ed il cittadino dell’Unione in questione abbia, in seguito, fatto ritorno nello Stato membro di cui possieda la cittadinanza. L’adozione di un provvedimento di allontanamento nei confronti di un cittadino di un Paese terzo richiede, quindi, il riconoscimento delle suddette garanzie procedurali e non può essere, in ogni caso, accompagnata dalla disposizione del divieto d’ingresso nel territorio nazionale.

Testo integrale della sentenza

02/10/2019 - Sentenza della Corte di giustizia del 5 settembre 2019 - obblighi alimentari

Gli articoli 3, lettere a) e d), e 5 del regolamento (CE) n. 4/2009 relativo alla competenza, alla legge applicabile, al riconoscimento e all’esecuzione delle decisioni e alla cooperazione in materia di obbligazioni alimentari prevedono che: «qualora il giudice di uno Stato membro sia investito di un ricorso contenente tre domande riguardanti, rispettivamente, il divorzio dei genitori di un figlio minore, la responsabilità genitoriale su tale minore e l’obbligazione alimentare nei confronti di quest’ultimo - e pur essendosi dichiarato incompetente sulla responsabilità genitoriale - può statuire sulla domanda relativa all’obbligazione alimentare riguardante detto minore qualora esso sia anche il giudice del luogo in cui il convenuto risiede abitualmente o il giudice dinanzi al quale quest’ultimo è comparso, senza eccepirne l’incompetenza».

Testo integrale della sentenza

02/10/2019 - Sentenza della Corte di giustizia del 21 settembre 2019 - informazione - presunzione innocenza

La Corte di giustizia interpreta la direttiva 2012/13/UE e la direttiva 2013/48/UE, rispettivamente sul diritto all’informazione e ad avvalersi ... [ Leggi tutto ]

La Corte di Appello di Salerno applica il CAF (Common Assessment Framework) alla propria organizzazione come strumento di miglioramento continuo.

BUONE PRASSI
(best practices)

Ufficio del processo e ragionevole durata: la Banca Dati Digitale Conciliativa (BDDC).